UPMRaflatac

Caso Polonia: come mantenere la produzione al sicuro

Altre notizie 7.5.2021 10:00 EEST

La produzione deve procedere anche durante una pandemia, quindi il procurement, le risorse umane e la produzione devono apportare rapidi cambiamenti per consentire questo risultato senza compromettere la sicurezza dei dipendenti. Le sedi polacche di UPM Raflatac hanno risposto in modo decisivo alla nuova situazione, con un atteggiamento costruttivo.

production-continuing-safely-in-polish-upm-raflatac-factories.jpg

 

Lo scoppio della pandemia di COVID-19 ha rappresentato una sfida per tutta la nostra catena di fornitura, dai dipendenti ai fornitori e subappaltatori, fino ai clienti. Ognuno di noi ha dovuto sviluppare nuovi modi di collaborare e di essere in contatto da remoto in una situazione completamente nuova.

Per noi, la pandemia ha anche fatto sì che i nostri prodotti siano diventati ancora più importanti, come parte essenziale delle catene di valore nel settore alimentare, medico, logistico e del commercio al dettaglio. Pertanto, mantenere la produzione in funzione e mantenere una fornitura costante dei materiali per etichette sul mercato è diventato cruciale.

Questo risultato doveva essere raggiunto senza mettere a rischio la salute e la sicurezza dei nostri dipendenti, in quanto questa è sempre una nostra priorità.

Ecco alcune esperienze di vita e di lavoro durante la pandemia dalla Polonia, dove UPM Raflatac ha il suo più grande centro di produzione di materiali per etichette al mondo.

Mantenere l'afflusso di materiali

Il lockdown non è stato un grosso problema per il reparto Supply Chain, poiché può lavorare in modo efficiente sia da casa che in ufficio.

"La sfida più grande è stata quella di evadere tutti gli ordini in modo completo e puntuale", afferma Monika Walenty-Raszczuk, Procurement Manager. "Nelle prime settimane abbiamo ricevuto il doppio degli ordini, ma la produzione nei reparti Coating e Finishing era stata pianificata per alcune settimane in anticipo."

Inoltre, le materie prime venivano spesso consegnate all'ultimo minuto, il che ha reso difficile mantenere la produzione costante.

La flessibilità, l'impegno e la buona collaborazione con gli altri reparti hanno permesso di risolvere la maggior parte delle difficoltà incontrate.

upm-raflatac-Wrocław.jpg

Definire pratiche di lavoro sicure

Lo scoppio della pandemia ci ha permesso di implementare rapidamente molte soluzioni per ridurre al minimo il rischio di trasmissione del virus nello stabilimento.

I lavoratori in ufficio hanno iniziato a lavorare da remoto e, nello stabilimento, abbiamo implementato divisioni che hanno consentito la rotazione dei dipendenti e abbiamo fornito mascherine da indossare al lavoro. Il distanziamento sociale e la disinfezione frequente delle mani sono naturalmente entrati a far parte del regime quotidiano.

Tutti abbiamo dovuto imparare a operare in nuove condizioni, sviluppando metodi di lavoro che ci consentissero di svolgere i nostri compiti con precauzioni di sicurezza quando lavoravamo a stretto contatto.

I nostri dipendenti si comportano in modo molto responsabile. Segnalano contatti con persone che sembrano essere a rischio, come persone che arrivano dall'estero o che sono state in contatto diretto con il virus. In queste situazioni, applichiamo le quarantene preventive.

"Personalmente, sono rimasto colpito dalla rapidità con cui siamo riusciti a implementare nuove soluzioni e dalla responsabilità con cui tutti i nostri dipendenti si sono avvicinati alla minaccia posta dalla pandemia", afferma Andrzej Listwan, HR Manager.

everyday-heros-andrzej-listwan-marek-jagielski-monika-walenty-raszczuk-michal-konopacki.jpg

Andrzej Listwan, Monika Walenty-Raszczuk, Marek Jagielski, Michał Konopacki

L'atteggiamento svolge un ruolo fondamentale

In fase di produzione, mantenere la sicurezza di tutti richiede soluzioni molto pratiche, come il monitoraggio della disponibilità di mascherine, altre protezioni personali e disinfettanti in modo continuo per poter reagire immediatamente alle carenze.

Inoltre, sicurezza significa un dialogo attivo con tutti i dipendenti, la conformità alle linee guida UPM Raflatac per ridurre al minimo il rischio di infezione da COVID-19 e il miglioramento continuo della gestione dell'OSH.

"Queste misure insieme ci consentono di proteggere al meglio i nostri team di produzione nello stabilimento. Siamo in prima linea tra i datori di lavoro a questo proposito", afferma Marek Jagielski, Coating Manager presso lo stabilimento UPM Raflatac di Biskupice Podgórne.

Michał Konopacki, Finishing Manager presso lo stabilimento UPM Raflatac di Nowa Wieś Wrocławska, sottolinea anche l'aspetto psicologico della pandemia.

"Anche l'adattamento dei nostri dipendenti alle nuove regole operative e reagire prontamente ai casi di malattia è un grande vantaggio. Grazie a questo atteggiamento, siamo stati in grado di evitare situazioni pericolose che avrebbero potuto esporre il nostro personale a potenziali infezioni".

Ballando sotto la pioggia

Tutto il mondo è cambiato profondamente rispetto a un anno fa. La cosa importante è che siamo stati in grado di adattarci alla situazione, di mantenere la produzione in funzione e di garantire che i nostri dipendenti potessero svolgere il loro lavoro nel modo più sicuro possibile.

Come l'autrice Vivien Greene ha affermato: "La vita non è aspettare che passi la tempesta, ma imparare a ballare sotto la pioggia."

safety-in-polish-factories-wearing-masks.jpg